Denominazioni d'origine protette e marchi collettivi geografici: note minime su una convivenza problematica