Appunti per una “lettura romanì” del “pacchetto sicurezza”