La “seduzione della letteratura”in Roberto Cotroneo e Andrea De Carlo