L’introduzione dei crediti con il “Documento Martinotti” del 1997 ha avviato la riforma dell’Università che ha adottato definitivamente il sistema con il Decreto n. 509 del 3 novembre 1999 (Regolamento recante norme concernenti l’autonomia didattica degli atenei). Nel nuovo ordinamento degli studi, nelle classi di laurea del primo livello e nelle classi di laurea specialistiche del secondo livello, le discipline del settore ICAR 06 (Topografia e Cartografia) sono state significativamente integrate con quelle del settore scientifico disciplinare ICAR 17 (Disegno). La nuova e controversa istituzione dei crediti impone un momento di riflessione per finalizzare l’apprendimento rispetto a precisi obiettivi formativi. I grandi cambiamenti nel campo dell’istruzione e formazione con la conseguente diversificazione dei percorsi e degli sbocchi professionali pongono le basi per configurare nuovi orizzonti della didattica che siano concordi con le trasformazioni della società e della cultura. Lo schema di DM recante la definizione delle lauree universitarie precisa per ognuna delle classi oltre agli obiettivi formativi qualificanti dei nuovi titoli di studio ed alle relative attività formative, gli “ambiti disciplinari” obbligatoriamente presenti nelle singole tipologie di attività. Il panorama, ancora in divenire, desunto dal nuovo quadro normativo, coinvolge il settore disciplinare ICAR/06 in sei classi di laurea di primo livello e in nove classi di laurea specialistiche (sulle quali ultime il CUN non ha, ad oggi, espresso ancora un parere) tra le attività formative di base e caratterizzanti.

Le discipline del rilievo-rappresentazione nell’area dell’architettura (laurea 1° e 2° livello) / B. Astori; A. Bianchin; G. Tucci. - STAMPA. - Vol. I(2000), pp. 75-80. ((Intervento presentato al convegno IV Conferenza Nazionale ASITA "Informazione Geografica: innovazione e formazione" tenutosi a Genova nel 3-6 ottobre 2000.

Le discipline del rilievo-rappresentazione nell’area dell’architettura (laurea 1° e 2° livello)

TUCCI, GRAZIA
2000

Abstract

L’introduzione dei crediti con il “Documento Martinotti” del 1997 ha avviato la riforma dell’Università che ha adottato definitivamente il sistema con il Decreto n. 509 del 3 novembre 1999 (Regolamento recante norme concernenti l’autonomia didattica degli atenei). Nel nuovo ordinamento degli studi, nelle classi di laurea del primo livello e nelle classi di laurea specialistiche del secondo livello, le discipline del settore ICAR 06 (Topografia e Cartografia) sono state significativamente integrate con quelle del settore scientifico disciplinare ICAR 17 (Disegno). La nuova e controversa istituzione dei crediti impone un momento di riflessione per finalizzare l’apprendimento rispetto a precisi obiettivi formativi. I grandi cambiamenti nel campo dell’istruzione e formazione con la conseguente diversificazione dei percorsi e degli sbocchi professionali pongono le basi per configurare nuovi orizzonti della didattica che siano concordi con le trasformazioni della società e della cultura. Lo schema di DM recante la definizione delle lauree universitarie precisa per ognuna delle classi oltre agli obiettivi formativi qualificanti dei nuovi titoli di studio ed alle relative attività formative, gli “ambiti disciplinari” obbligatoriamente presenti nelle singole tipologie di attività. Il panorama, ancora in divenire, desunto dal nuovo quadro normativo, coinvolge il settore disciplinare ICAR/06 in sei classi di laurea di primo livello e in nove classi di laurea specialistiche (sulle quali ultime il CUN non ha, ad oggi, espresso ancora un parere) tra le attività formative di base e caratterizzanti.
Informazione geografica: innovazione e formazione
IV Conferenza Nazionale ASITA "Informazione Geografica: innovazione e formazione"
Genova
3-6 ottobre 2000
B. Astori; A. Bianchin; G. Tucci
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in FLORE sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/2158/388275
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact