Eritrea e Somalia, ipocrisie e tabù