Aspettando gli omini verdi, recensione a Generazione di Giorgio van Straten