A proposito di Mario Pagano, di Dario Ippolito