Incriminazione e giustificazione: una diversa legalità?