Interpretazioni dell’ilemorfismo universale nella scuola francescana: Bonaventura, Bacone e Olivi