Sull'ultimo libro di Angelo Fabi