“Reati sismici” e permanenza