Il divismo cinematografico contemporaneaneo: le star della politica, la politica delle star