Il «vizio della memoria». L'ingegner Rovelli, il ragionier Ursini e l'«indimenticabile stagione» della chimica italiana