Soggettività e immagini del mondo in Max Weber