Un nuovo ruolo della Medicina Scolastica?