Soffrire come e più di Ulisse: Teognide, Plauto e le origini di un paragone ovidiano (Trist. 1. 5. 58)