Su alcune proposizioni di Michelangelo Ricci contenute nelle "Scene" di Antonio Nardi