Sulla proporzionatrice seconda di G. B. Villalpando