Una satira secentesca contro gli ebrei e il «frammento oxoniense» di Giovenale