Un'altra croce duecentesca e alcune osservazioni sul Maestro di Gagliano