Ordine e passaggio. Tra Canetti e Deleuze-Guattari