Fra imperialismo del globale e inevitabilità del locale