Il "No" di Thoreau e Melville