Platone, Cratilo 395c, 408b: due presunte interpolazioni