«Restauro del Contemporaneo» (1945-2005): una sezione speciale del restauro del Moderno o una categoria autonoma?