I “faggi serpente” del Piano di Acquafredda sul Massiccio del Pollino