Sulla"nostalgia del soldato" nell'Italia preunitaria