Boston: l'equilibrio come eccezione