Echi "sessantottardi" nel magistero di Diego Carpitella