Sul fallimento dell’autorità in prima persona