A 10 anni dall’entrata in vigore del DPCM 5.12.97, si avverte l’esigenza di una riflessione sui risultati raggiunti, sugli obiettivi da perseguire e sulla necessità di fare chiarezza su incertezze interpretative e applicative che hanno ripercussioni importanti per gli esiti sia delle valutazioni previsionali, sia dei collaudi in opera. Più in generale, si avverte la necessità che una materia così complessa e così rilevante anche sul piano economico oltre che sociale, sia oggetto di una completa revisione inquadrandola in un unico processo, che riunisca aspetti tecnici e legislativi assunti inequivocabilmente validi anche in caso di contenzioso, peraltro in aumento esponenziale. A questo si deve aggiungere che il contenzioso è regolato su due livelli, quello pubblicistico (leggi e decreti in materia di controllo del rumore) e quello privatistico (art. 844 del codice civile), contribuendo non poco a creare confusione. Riteniamo pertanto sia giunto il momento di proporre un diverso approccio alla problematica basato sul soddisfacimento delle esigenze acustiche primarie non solo in termini di requisiti fisici delle partizioni, ma anche mediante parametri, definiti a livello internazionale, in grado di relazionarsi direttamente con le esigenze suddette espresse da privacy, qualità della conservazione e assenza di disturbo.

l rispetto dei requisiti acustici passivi: dalla protezione alla speculazione - riflessioni a margine dell’esperienza e proposte d’intervento / G. CELLAI; S. SECCHI; E. NANNIPIERI. - ELETTRONICO. - (2008), pp. 1-16. ((Intervento presentato al convegno 35° Convegno Nazionale Associazione Italiana di Acustica tenutosi a Milano nel 11-13 giugno 2008.

l rispetto dei requisiti acustici passivi: dalla protezione alla speculazione - riflessioni a margine dell’esperienza e proposte d’intervento

CELLAI, GIANFRANCO;SECCHI, SIMONE;NANNIPIERI, ELISA
2008

Abstract

A 10 anni dall’entrata in vigore del DPCM 5.12.97, si avverte l’esigenza di una riflessione sui risultati raggiunti, sugli obiettivi da perseguire e sulla necessità di fare chiarezza su incertezze interpretative e applicative che hanno ripercussioni importanti per gli esiti sia delle valutazioni previsionali, sia dei collaudi in opera. Più in generale, si avverte la necessità che una materia così complessa e così rilevante anche sul piano economico oltre che sociale, sia oggetto di una completa revisione inquadrandola in un unico processo, che riunisca aspetti tecnici e legislativi assunti inequivocabilmente validi anche in caso di contenzioso, peraltro in aumento esponenziale. A questo si deve aggiungere che il contenzioso è regolato su due livelli, quello pubblicistico (leggi e decreti in materia di controllo del rumore) e quello privatistico (art. 844 del codice civile), contribuendo non poco a creare confusione. Riteniamo pertanto sia giunto il momento di proporre un diverso approccio alla problematica basato sul soddisfacimento delle esigenze acustiche primarie non solo in termini di requisiti fisici delle partizioni, ma anche mediante parametri, definiti a livello internazionale, in grado di relazionarsi direttamente con le esigenze suddette espresse da privacy, qualità della conservazione e assenza di disturbo.
Convegno Nazionale AIA 2008
35° Convegno Nazionale Associazione Italiana di Acustica
Milano
11-13 giugno 2008
G. CELLAI; S. SECCHI; E. NANNIPIERI
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
AIA 2008_Cellai_altri_rev3.pdf

Accesso chiuso

Tipologia: Altro
Licenza: DRM non definito
Dimensione 418.38 kB
Formato Adobe PDF
418.38 kB Adobe PDF   Visualizza/Apri   Richiedi una copia

I documenti in FLORE sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/2158/774296
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact