Il "topo" di Carlo Marsuppini: un'inedita gara poetica