La disciplina della libertà. Sull'adozione dei testi nell'Italia fascista