KEATS, 'ODE TO PSYCHE': L'IMPOSSIBILE PITTORICITÀ DEL MITO