La chirurgia di salvataggio dell’arto in ortopedia oncologica ha visto grandi progressi negli ultimi decenni grazie all’associazione con le terapie farmacolo- giche e radianti. Tale tipo di chirurgia riveste una particolare importanza quan- do i soggetti sono in età pediatrica perché permette oltre al vantaggio psicologi- co di conservare l’arto quello di permettere un recupero della funzione anche grazie alle grandi capacità di adattamento alla disabilità che è tipica dei sogget- ti pediatrici. Nello stesso tempo però le difficoltà tecniche aumentano in quanto bisogna garantire un arto stabile, che possa accompagnare la crescita del pazien- te e rendere meno gravosi eventuali interventi successivi di ripresa al raggiun- gimento dell’età adulta. Per questi motivi la preferenza è sempre andata in gene- re alle ricostruzioni con innesti ossei massivi che garantivano un supporto per eventuali ricostruzioni successive e più recentemente a trapianti ossei vascola- rizzati in grado di sostituire in maniera definitiva la parte asportata per la pato- logia oncologica. Lo scopo del presente lavoro è di analizzare le diverse possi- bilità ricostruttive con innesti ossei durante l’età pediatrica mettendone in risal- to le possibili indicazioni, vantaggi e limiti.

Chirurgia dei tumori ossei in età pediatrica: nuove frontiere ricostruttive / Capanna R; Campanacci D; De Biase P; Innocenti M; Beltrami G; Mugnaini M; Scoccianti G; Delcroix L.. - In: HEMATOLOGY MEETING REPORTS. - ISSN 1970-7339. - STAMPA. - 1:(2007), pp. 42-46. [10.1002/micr.20130]

Chirurgia dei tumori ossei in età pediatrica: nuove frontiere ricostruttive.

CAMPANACCI, DOMENICO ANDREA;INNOCENTI, MARCO;Beltrami G;
2007

Abstract

La chirurgia di salvataggio dell’arto in ortopedia oncologica ha visto grandi progressi negli ultimi decenni grazie all’associazione con le terapie farmacolo- giche e radianti. Tale tipo di chirurgia riveste una particolare importanza quan- do i soggetti sono in età pediatrica perché permette oltre al vantaggio psicologi- co di conservare l’arto quello di permettere un recupero della funzione anche grazie alle grandi capacità di adattamento alla disabilità che è tipica dei sogget- ti pediatrici. Nello stesso tempo però le difficoltà tecniche aumentano in quanto bisogna garantire un arto stabile, che possa accompagnare la crescita del pazien- te e rendere meno gravosi eventuali interventi successivi di ripresa al raggiun- gimento dell’età adulta. Per questi motivi la preferenza è sempre andata in gene- re alle ricostruzioni con innesti ossei massivi che garantivano un supporto per eventuali ricostruzioni successive e più recentemente a trapianti ossei vascola- rizzati in grado di sostituire in maniera definitiva la parte asportata per la pato- logia oncologica. Lo scopo del presente lavoro è di analizzare le diverse possi- bilità ricostruttive con innesti ossei durante l’età pediatrica mettendone in risal- to le possibili indicazioni, vantaggi e limiti.
2007
1
42
46
Capanna R; Campanacci D; De Biase P; Innocenti M; Beltrami G; Mugnaini M; Scoccianti G; Delcroix L.
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
663-2508-1-PB.pdf

Accesso chiuso

Tipologia: Altro
Licenza: Tutti i diritti riservati
Dimensione 977.1 kB
Formato Adobe PDF
977.1 kB Adobe PDF   Richiedi una copia

I documenti in FLORE sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificatore per citare o creare un link a questa risorsa: https://hdl.handle.net/2158/991213
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus 0
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? 48
social impact