I frutti acerbi della delega del potere: un manager alla Pignone di Firenze (1899-1902)