La tesi di dottorato I modelli di genere tra gli studenti e le studentesse universitarie da una prospettiva interculturale vuole analizzare la resistenza al cambiamento dei modelli di genere di mascolinità e femminilità nella popolazione studentesca di Argentina, Spagna e Italia. La ricerca, inserita nel progetto europeo IRSES Gendercit, sottolinea l’importanza della prospettiva interculturale nella comprensione dei processi di resistenza e cambiamento nelle strutture dell’ordine di genere, riprendendo la definizione di Connell. La prospettiva teorica, nella quale si inserisce la ricerca, considera il genere come un concetto relazionale e utilizza i modelli di genere come variabili al fine di misurare la resistenza di una cultura patriarcale al raggiungimento dell’uguaglianza effettiva tra uomini e donne, obiettivo fondamentale delle politiche di genere sviluppate a livello nazionale e internazionale. L’indagine ha coinvolto 600 studenti e studentesse universitarie di primo grado, iscritti/e a lauree triennali di tre differenti università - Università Nazionale di Cuyo (Mendoza Argentina) Università Pablo de Olavide (Siviglia, Spagna) e Università degli studi di Firenze (Italia) - ai quali/ alle quali sono stati somministrati alcuni questionari realizzati specificatamente per questa ricerca, con l’obiettivo di analizzare la resistenza al cambiamento dei modelli di genere - di femminilità e di mascolinità - in diversi ambiti: la conciliazione lavorativa/ familiare/personale, le relazioni sesso- affettive, l’autodefinizione di sé e la percezione sociale delle differenze tra i sessi, l’ambito educativo, l’uso del tempo. Nelle conclusioni, si pone in evidenza come siano gli uomini a presentare una maggiore resistenza al cambiamento dei modelli di genere “dominanti”, soprattutto negli ambiti maggiormente collegati alla struttura e ai contenuti di questi stessi modelli, in particolare nella conciliazione e nelle relazioni sentimentali e sessuali. Dal punto di vista interculturale, emergono resistenze più marcate nel contesto italiano rispetto a quello argentino e spagnolo, dato che il campione italiano è l’unico nel quale tali resistenze non registrano differenze significative tra uomini e donne. Inoltre, si rileva una minore resistenza dei modelli di genere nei comportamenti personali rispetto alle idee/credenze degli/delle intervistati/intervistate. L’analisi di questi elementi permette di approfondire la comprensione delle resistenze e delle dinamiche del sistema sesso-genere in un contesto educativo, come quello universitario, fondamentale per la costruzione di una società ugualitaria e per lo sviluppo di politiche di genere efficaci.

Los modelos de género entre el alumnado universitario desde una perspectiva intercultural (I modelli di genere tra studenti e studentesse universitarie da una prospettiva interculturale) / Chiara Santoro. - (2018).

Los modelos de género entre el alumnado universitario desde una perspectiva intercultural (I modelli di genere tra studenti e studentesse universitarie da una prospettiva interculturale)

Chiara Santoro
Investigation
2018

Abstract

La tesi di dottorato I modelli di genere tra gli studenti e le studentesse universitarie da una prospettiva interculturale vuole analizzare la resistenza al cambiamento dei modelli di genere di mascolinità e femminilità nella popolazione studentesca di Argentina, Spagna e Italia. La ricerca, inserita nel progetto europeo IRSES Gendercit, sottolinea l’importanza della prospettiva interculturale nella comprensione dei processi di resistenza e cambiamento nelle strutture dell’ordine di genere, riprendendo la definizione di Connell. La prospettiva teorica, nella quale si inserisce la ricerca, considera il genere come un concetto relazionale e utilizza i modelli di genere come variabili al fine di misurare la resistenza di una cultura patriarcale al raggiungimento dell’uguaglianza effettiva tra uomini e donne, obiettivo fondamentale delle politiche di genere sviluppate a livello nazionale e internazionale. L’indagine ha coinvolto 600 studenti e studentesse universitarie di primo grado, iscritti/e a lauree triennali di tre differenti università - Università Nazionale di Cuyo (Mendoza Argentina) Università Pablo de Olavide (Siviglia, Spagna) e Università degli studi di Firenze (Italia) - ai quali/ alle quali sono stati somministrati alcuni questionari realizzati specificatamente per questa ricerca, con l’obiettivo di analizzare la resistenza al cambiamento dei modelli di genere - di femminilità e di mascolinità - in diversi ambiti: la conciliazione lavorativa/ familiare/personale, le relazioni sesso- affettive, l’autodefinizione di sé e la percezione sociale delle differenze tra i sessi, l’ambito educativo, l’uso del tempo. Nelle conclusioni, si pone in evidenza come siano gli uomini a presentare una maggiore resistenza al cambiamento dei modelli di genere “dominanti”, soprattutto negli ambiti maggiormente collegati alla struttura e ai contenuti di questi stessi modelli, in particolare nella conciliazione e nelle relazioni sentimentali e sessuali. Dal punto di vista interculturale, emergono resistenze più marcate nel contesto italiano rispetto a quello argentino e spagnolo, dato che il campione italiano è l’unico nel quale tali resistenze non registrano differenze significative tra uomini e donne. Inoltre, si rileva una minore resistenza dei modelli di genere nei comportamenti personali rispetto alle idee/credenze degli/delle intervistati/intervistate. L’analisi di questi elementi permette di approfondire la comprensione delle resistenze e delle dinamiche del sistema sesso-genere in un contesto educativo, come quello universitario, fondamentale per la costruzione di una società ugualitaria e per lo sviluppo di politiche di genere efficaci.
Giovanna Campani, Maria del Carmen Monreal Gímeno, Gonzalo Musitu Ochoa
ITALIA
Chiara Santoro
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
Tesis doctoral Chiara Santoro para imprimir.pdf

accesso aperto

Descrizione: Tesi di dottorato
Tipologia: Tesi di dottorato
Licenza: Open Access
Dimensione 4.19 MB
Formato Adobe PDF
4.19 MB Adobe PDF Visualizza/Apri

I documenti in FLORE sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/2158/1121706
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact