Domizio Calderini, Niccolò Perotti e la controversia platonico-aristotelica nel Quattrocento