Sulla 'menzogna' romantica