This research is a specific study on the artist Remedios Varo (Anglès, 1908 - Mexico City, 1963), between her creative and existential experience, with the intention of examining a unique personality, which has contributed to enriching with her own creative path the artistic world and the international literary climate of the 20th century. Her own itinerary develops in relation to the surrealist avant-garde, because the artist knows this current between the 1930s and 1940s and builds relationships with some of its exponents, but she works autonomously and her research depends on her desire for self-realization and its divergent nature. In fact, she always shows resistance to joining the avant-garde movement because she prefers to keep her distance, avoiding any classification. Critical studies of her paintings and written papers, especially in the last decades, have valued and rediscovered Remedios Varo as a singular figure in artistic history and in contemporary criticism. Her legacy is distinguished by her authenticity and experimentation in the cultural and historical context of the aforementioned years and in the decades following the 20th century, until her death in 1963. The intention is to analyze and explore aspects of her itinerary as a combination of art and life for understanding, through philological and comparative analysis of sources, of avant-garde influences founded by André Breton in 1924 and to see how she is able to integrate and modify them in her work and to separate herself from the movement to continue your own itinerary, especially when she migrate in Mexico. We undertake a complete analysis of her works and documents, through comparison, to clarify the similarities and differences with respect to the typical elements of the avant-garde, such as psychic automatism in relation to automatic writing, the game of the exquisite corpse and fortuitous juxtaposition and the disorienting effect, omnipotence of desire, dream as vision and potential of the imaginary, metamorphism and critical paranoia, alchemical transmutation, irony regarding black humor, the concepts of space and time, the totemic and symbolic object and its connection with examples of works of surrealist authors. This to also study the relationships, as poetics, concepts and artistic productions, with Esteban Francés, Óscar Domínguez, Benjamin Péret, Victor Brauner, trying to also examine the influeneces in her creative itinerary of Salvador Dalí and Luis Buñuel, to understand her role in an environment of men, considering that the group consisted predominantly of male figures, and her heterodox position. At the same time we try to deepen her relationship with female figures such as the artist friend Leonora Carrington when she lives in Mexico City, during her voluntary exile, to identify, through published documents and other unpublished ones that have appeared in recent years, each of the still hidden facets of her original career, as an artist and a woman, but mainly as a person, which reflects the cultural nomadism of our time. Questa ricerca è uno studio specifico sull’artista Remedios Varo (Anglès, 1908 - Città del Messico, 1963), tra la sua esperienza creativa ed esistenziale, nell’intenzione di esaminare una personalità unica, che ha contribuito ad arricchire con il suo percorso creativo il mondo artistico e il clima letterario internazionale del XX secolo. Il suo itinerario si sviluppa in relazione all’avanguardia surrealista, perché l’artista conosce questa corrente tra gli anni Trenta e Quaranta del novecento e costruisce relazioni con alcuni dei suoi esponenti, ma lavora autonomamente e la sua ricerca dipende dal suo desiderio di autorealizzazione e dalla sua natura divergente. In realtà, mostra sempre resistenza a unirsi al movimento d’avanguardia perché preferisce mantenere le distanze, evitando qualsiasi classificazione. Gli studi critici dei suoi dipinti e scritti, soprattutto negli ultimi decenni, hanno rivalutato e riscoperto Remedios Varo come una figura singolare nella storia artistica e nella critica contemporanea. La sua eredità si distingue per la sua autenticità e sperimentazione nel contesto culturale e storico degli anni menzionati e nei decenni successivi del novecento, fino alla sua morte nel 1963. L’intenzione è quella di analizzare ed esplorare aspetti del suo itinerario come una combinazione di arte e vita per la comprensione, attraverso l’analisi filologica e comparativa delle fonti, delle influenze dell’avanguardia fondata da André Breton nel 1924 e per capire come è in grado di integrarle e modificarle nel suo lavoro e di separarsi dal movimento per continuare il proprio itinerario, soprattutto quando migra in Messico. Intraprendiamo un’analisi completa delle sue opere e dei suoi documenti, per cogliere, attraverso il confronto, le somiglianze e le differenze rispetto agli elementi tipici dell’avanguardia, come l’automatismo psichico in relazione alla scrittura automatica, il gioco del cadavere squisito, la giustapposizione fortuita e l’effetto disorientante, l’onnipotenza del desiderio, il sogno come visione e potenziale dell’immaginario, il metamorfismo e la paranoia critica, la trasmutazione alchemica, l’ironia rispetto all’umor nero, i concetti di spazio e tempo, l’oggetto totemico e simbolico e la sua connessione con esempi di opere di autori surrealisti. Questo è oltremodo utile anche per esaminare le relazioni, come poetica, concetti e produzioni artistiche, con Esteban Francés, Óscar Domínguez, Benjamin Péret, Victor Brauner, cercando di individuare anche le influenze nel suo itinerario creativo di Salvador Dalí e Luis Buñuel, per capire il suo ruolo in un ambiente di uomini, considerando che il gruppo era prevalentemente costituito da figure maschili, e precisare la sua posizione eterodossa. Al tempo stesso tentiamo anche di approfondire in questo studio il suo rapporto con le figure femminili come l’amica artista Leonora Carrington, quando vive in “esilio volontario” a Città del Messico. L’intento è di identificare, attraverso documenti pubblicati e altri inediti apparsi negli ultimi anni, ognuna delle sfaccettature ancora nascoste del suo percorso originale, come artista e donna, ma principalmente come persona che riflette il nomadismo culturale del nostro tempo.

L’immaginario simbolico e archetipico nelle opere pittoriche e negli scritti di Remedios Varo: un itinerario creativo a confronto con le idee, le opere e le tecniche surrealiste / Alessandra Scappini. - (2021).

L’immaginario simbolico e archetipico nelle opere pittoriche e negli scritti di Remedios Varo: un itinerario creativo a confronto con le idee, le opere e le tecniche surrealiste

Alessandra Scappini
2021

Abstract

This research is a specific study on the artist Remedios Varo (Anglès, 1908 - Mexico City, 1963), between her creative and existential experience, with the intention of examining a unique personality, which has contributed to enriching with her own creative path the artistic world and the international literary climate of the 20th century. Her own itinerary develops in relation to the surrealist avant-garde, because the artist knows this current between the 1930s and 1940s and builds relationships with some of its exponents, but she works autonomously and her research depends on her desire for self-realization and its divergent nature. In fact, she always shows resistance to joining the avant-garde movement because she prefers to keep her distance, avoiding any classification. Critical studies of her paintings and written papers, especially in the last decades, have valued and rediscovered Remedios Varo as a singular figure in artistic history and in contemporary criticism. Her legacy is distinguished by her authenticity and experimentation in the cultural and historical context of the aforementioned years and in the decades following the 20th century, until her death in 1963. The intention is to analyze and explore aspects of her itinerary as a combination of art and life for understanding, through philological and comparative analysis of sources, of avant-garde influences founded by André Breton in 1924 and to see how she is able to integrate and modify them in her work and to separate herself from the movement to continue your own itinerary, especially when she migrate in Mexico. We undertake a complete analysis of her works and documents, through comparison, to clarify the similarities and differences with respect to the typical elements of the avant-garde, such as psychic automatism in relation to automatic writing, the game of the exquisite corpse and fortuitous juxtaposition and the disorienting effect, omnipotence of desire, dream as vision and potential of the imaginary, metamorphism and critical paranoia, alchemical transmutation, irony regarding black humor, the concepts of space and time, the totemic and symbolic object and its connection with examples of works of surrealist authors. This to also study the relationships, as poetics, concepts and artistic productions, with Esteban Francés, Óscar Domínguez, Benjamin Péret, Victor Brauner, trying to also examine the influeneces in her creative itinerary of Salvador Dalí and Luis Buñuel, to understand her role in an environment of men, considering that the group consisted predominantly of male figures, and her heterodox position. At the same time we try to deepen her relationship with female figures such as the artist friend Leonora Carrington when she lives in Mexico City, during her voluntary exile, to identify, through published documents and other unpublished ones that have appeared in recent years, each of the still hidden facets of her original career, as an artist and a woman, but mainly as a person, which reflects the cultural nomadism of our time. Questa ricerca è uno studio specifico sull’artista Remedios Varo (Anglès, 1908 - Città del Messico, 1963), tra la sua esperienza creativa ed esistenziale, nell’intenzione di esaminare una personalità unica, che ha contribuito ad arricchire con il suo percorso creativo il mondo artistico e il clima letterario internazionale del XX secolo. Il suo itinerario si sviluppa in relazione all’avanguardia surrealista, perché l’artista conosce questa corrente tra gli anni Trenta e Quaranta del novecento e costruisce relazioni con alcuni dei suoi esponenti, ma lavora autonomamente e la sua ricerca dipende dal suo desiderio di autorealizzazione e dalla sua natura divergente. In realtà, mostra sempre resistenza a unirsi al movimento d’avanguardia perché preferisce mantenere le distanze, evitando qualsiasi classificazione. Gli studi critici dei suoi dipinti e scritti, soprattutto negli ultimi decenni, hanno rivalutato e riscoperto Remedios Varo come una figura singolare nella storia artistica e nella critica contemporanea. La sua eredità si distingue per la sua autenticità e sperimentazione nel contesto culturale e storico degli anni menzionati e nei decenni successivi del novecento, fino alla sua morte nel 1963. L’intenzione è quella di analizzare ed esplorare aspetti del suo itinerario come una combinazione di arte e vita per la comprensione, attraverso l’analisi filologica e comparativa delle fonti, delle influenze dell’avanguardia fondata da André Breton nel 1924 e per capire come è in grado di integrarle e modificarle nel suo lavoro e di separarsi dal movimento per continuare il proprio itinerario, soprattutto quando migra in Messico. Intraprendiamo un’analisi completa delle sue opere e dei suoi documenti, per cogliere, attraverso il confronto, le somiglianze e le differenze rispetto agli elementi tipici dell’avanguardia, come l’automatismo psichico in relazione alla scrittura automatica, il gioco del cadavere squisito, la giustapposizione fortuita e l’effetto disorientante, l’onnipotenza del desiderio, il sogno come visione e potenziale dell’immaginario, il metamorfismo e la paranoia critica, la trasmutazione alchemica, l’ironia rispetto all’umor nero, i concetti di spazio e tempo, l’oggetto totemico e simbolico e la sua connessione con esempi di opere di autori surrealisti. Questo è oltremodo utile anche per esaminare le relazioni, come poetica, concetti e produzioni artistiche, con Esteban Francés, Óscar Domínguez, Benjamin Péret, Victor Brauner, cercando di individuare anche le influenze nel suo itinerario creativo di Salvador Dalí e Luis Buñuel, per capire il suo ruolo in un ambiente di uomini, considerando che il gruppo era prevalentemente costituito da figure maschili, e precisare la sua posizione eterodossa. Al tempo stesso tentiamo anche di approfondire in questo studio il suo rapporto con le figure femminili come l’amica artista Leonora Carrington, quando vive in “esilio volontario” a Città del Messico. L’intento è di identificare, attraverso documenti pubblicati e altri inediti apparsi negli ultimi anni, ognuna delle sfaccettature ancora nascoste del suo percorso originale, come artista e donna, ma principalmente come persona che riflette il nomadismo culturale del nostro tempo.
Ernestina Pellegrini Antonio Garcia Lopez
ITALIA
Goal 5: Gender equality
Alessandra Scappini
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
SCAPPINI ALESSANDRA 28 ottobre 2020 AU4216355 DT26483 UNIFITESI REMEDIOS VARO UNIFI CON APPARATI.pdf

embargo fino al 05/02/2022

Tipologia: Tesi di dottorato
Licenza: Open Access
Dimensione 24 MB
Formato Adobe PDF
24 MB Adobe PDF Visualizza/Apri

I documenti in FLORE sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/2158/1237729
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact