Come può essere legittimato l’assassinio di un magistrato? Come giustificare l’eliminazione fisica di un esponente della classe dirigente e membro di una famiglia importante dell’aristocrazia senatoria? Questi gli interrogativi che tor- mentarono la nobilitas romana all’indomani della morte prima di Tiberio Sem- pronio Gracco e poi, a una decina di anni di distanza, del fratello Gaio. Entrambi vennero uccisi nel pieno della loro funzione di tribuni della plebe. La violenza era entrata nell’agone politico e, aspetto non secondario, l’uso della violenza si era manifestato all’interno dell’élite. Ne seguì una riflessione che cercò di in- serire la violenza nel processo storico, giustificandone e legittimandone ogni forma di manifestazione, anche la più brutale. Venne stabilito un ‘prima’ e un ‘dopo’: i Gracchi separavano un passato idealizzato come un’età dell’oro da un presente e un futuro segnati dalla decadenza, dal declino e da una possibile fine dell’egemonia politica della nobilitas. Si mise in atto un processo, finemente costruito, di colpevolizzazione dell’avversario politico —l’accusa più grave era quella di aspirare alla tirannide— per avallare l’aggressione armata, secondo una modalità sperimentata dagli antichi, che purtroppo continua ancora oggi a essere perseguita. Il libro offre, dunque, un’analisi sulla violenza sotto diverse prospettive, che ne riflettono la complessità e vanno intrecciandosi fra loro nel tessuto narrativo: dalla violenza reale contro le persone, alla sua interpretazione come parametro della crisi della res publica, e infine come categoria giuridica e oggetto di una specifica normativa diretta ad arginarne il ricorso indiscriminato e la presenza di armi in luoghi pubblici.

Res publica servanda est. La svolta dei Gracchi tra prassi politica e violenza nella riflessione storiografica / chantal gabrielli. - STAMPA. - (2022), pp. 1-230.

Res publica servanda est. La svolta dei Gracchi tra prassi politica e violenza nella riflessione storiografica

chantal gabrielli
2022

Abstract

Come può essere legittimato l’assassinio di un magistrato? Come giustificare l’eliminazione fisica di un esponente della classe dirigente e membro di una famiglia importante dell’aristocrazia senatoria? Questi gli interrogativi che tor- mentarono la nobilitas romana all’indomani della morte prima di Tiberio Sem- pronio Gracco e poi, a una decina di anni di distanza, del fratello Gaio. Entrambi vennero uccisi nel pieno della loro funzione di tribuni della plebe. La violenza era entrata nell’agone politico e, aspetto non secondario, l’uso della violenza si era manifestato all’interno dell’élite. Ne seguì una riflessione che cercò di in- serire la violenza nel processo storico, giustificandone e legittimandone ogni forma di manifestazione, anche la più brutale. Venne stabilito un ‘prima’ e un ‘dopo’: i Gracchi separavano un passato idealizzato come un’età dell’oro da un presente e un futuro segnati dalla decadenza, dal declino e da una possibile fine dell’egemonia politica della nobilitas. Si mise in atto un processo, finemente costruito, di colpevolizzazione dell’avversario politico —l’accusa più grave era quella di aspirare alla tirannide— per avallare l’aggressione armata, secondo una modalità sperimentata dagli antichi, che purtroppo continua ancora oggi a essere perseguita. Il libro offre, dunque, un’analisi sulla violenza sotto diverse prospettive, che ne riflettono la complessità e vanno intrecciandosi fra loro nel tessuto narrativo: dalla violenza reale contro le persone, alla sua interpretazione come parametro della crisi della res publica, e infine come categoria giuridica e oggetto di una specifica normativa diretta ad arginarne il ricorso indiscriminato e la presenza di armi in luoghi pubblici.
978-84-1340-471-4
1
230
Goal 4: Quality education
chantal gabrielli
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
Res publica servanda est.pdf

accesso aperto

Tipologia: Pdf editoriale (Version of record)
Licenza: Open Access
Dimensione 832.06 kB
Formato Adobe PDF
832.06 kB Adobe PDF Visualizza/Apri
digital RES PUBLICA 07_digital_con_marca.pdf

Accesso chiuso

Tipologia: Pdf editoriale (Version of record)
Licenza: DRM non definito
Dimensione 3.39 MB
Formato Adobe PDF
3.39 MB Adobe PDF   Visualizza/Apri   Richiedi una copia

I documenti in FLORE sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/2158/1275966
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact