Salvatore Astore. Le mille e una forma