PREVENZIONE DELL'ATEROTROMBOSI. MISURE FARMACOLOGICHE E NON DI PREVENZIONE PRIMARI: QUALE CONFINE CON LA PREVENZIONE SECONDARIA?