Ripensare l’iconografia della prima Comédie Italienne