Spazi della scena, della memoria, del presente: conversazione con Sandro Lombardi