UN EDUARDO SFACCIATAMENTE METATEATRALE (RECENSIONE A L'ARTE DELLA COMMEDIA)