KUBRICK E IL CINEMA COME ARTE DEL VISIBILE