Fra Stanislavskij e Shakespeare: Giulio Cesare o la crudeltà della retorica