Bartolomeo Fonzio tra filologia e storia