Letture kantiane. L'apparente e il contingente